La notte delle Fanfare: Fanfara Station + Ottone Pesante + Cateaters Pipe Band

La notte delle Fanfare: Fanfara Station + Ottone Pesante + Cateaters Pipe Band

Tre concerti, tre fanfare, tre musiche fuori dall’ordinario che ci portano in viaggio tra melodie e balli balcanici e medio orientali con Fanfara Station, suoni della downtown sperimentale e free di New York con Ottone Pesante e le armonie delle cornamuse scozzesi con Cateaters Pipe Band

in apertura
CATEATERS PIPE BAND
Fanfara scozzese formata da cornamuse e grancassa, proveniente da Schio.

FANFARA STATION (Tunisia/Italia)

Fonde la forza di un’orchestra di fiati, l’elettronica e i ritmi e i canti del Maghreb.

Marzouk Mejri – voce, percussioni, fiati tunisini, loops station
Charles Ferris – tromba, trombone e loops station
Ghiaccioli e Branzini – elettronica e programming

Fanfara Station celebra le culture musicali del Nord Africa e del Medio Oriente.
Un dance party creato dal vivo da soli tre musicisti. Gli strumenti sul palco sono tantissimi: le percussioni scascika, tar, bendir, darbuka e tabla che si intrecciano con la tromba, il trombone, il clarinetto e i tre fiati tunisini: nay, mizued e zocra.

 

OTTONE PESANTE

Se Goran Bregovic avesse avuto una predilezione per il free jazz ed il metal avrebbe fatto suonare la sua orchestra così.

Paolo Raineri – tromba
Francesco Bucci – trombone
Beppe Mondini – batteria

Presentano il nuovo disco “Apocalips”.
In tanti hanno cercato di definire la musica di questa band fuori dall’ordinario per originalità, qualità tecniche e resa energetica dal vivo. Non resta che immergersi nel loro live e vivere cosa riescono a fare con tromba e trombone.

BIO

Fanfara Station

Un dance party creato dal vivo da soli tre musicisti e due loop station usate per sovraincidere le tracce e manipolare i suoni acustici ed elettronici. Fanfara Station fonde la forza di un’orchestra di fiati, l’elettronica e i ritmi e i canti del Maghreb. Ispirato dal ricordo della banda del padre di Marzouk Mejri, Fanfara Station celebra l’epopea delle culture musicali della diaspora africana e dei flussi che da sempre uniscono il medio oriente al Maghreb, all’Europa e alle Americhe.

Gli strumenti che si uniscono alla voce di Marzouk sono tantissimi: le percussioni scascika, tar, bendir, darbuka e tabla che si intrecciano con la tromba, il trombone, il clarinetto e i tre fiati tunisini: nay, mizued e ocra.

Il progetto composto da tre musicisti: Marzouk Mejri, cantautore e polistrumentista tunisino considerato uno dei migliori percussionisti sulla scena italiana. Nasce in una famiglia di musicisti – suo padre è stato un noto suonatore di darbouka – Tebourba, a circa 30 km dalla capitale Tunisi. Lo stile trombettistico del statunitense Charles Ferris si fonda sullo studio delle diverse tradizioni musicali del mondo, soprattutto sulla sperimentazione performativa nei generi legati alla diaspora africana e alle tradizioni balcaniche. Nel 2006 inizia a esplorare la musica classica e popolare tunisina nel Marzouk Ensemble, accompagnandosi ai fratelli del leader. Marco Dalmasso aka Ghiaccioli e Branzini è DJ e produttore torinese di stanza a Firenze che negli anni ha sviluppato uno stile assai personale, partendo dall’elettronica e contaminandola col blues, il jazz e il folk.

Marzouk Mejri è un cantautore e musicista tunisino, è considerato uno dei più grandi percussionisti residenti in Italia. È nato a Tebourba, a circa 30 km dalla capitale Tunisi, in una famiglia di musicisti; suo padre era un famoso suonatore di rullante oltre che di darbouka. Da 18 anni vive in Italia, a Napoli, dove ha collaborato con numerosi illustri musicisti: Daniele Sepe, James Senese, Eduardo De Crescenzo, 99 Posse, Peppe Barra e molti altri.

Da più di 10 anni è il leader del gruppo Marzouk Ensamble e di numerosi altri progetti a lui collegati. Nel 2006 ha inciso il suo primo CD Genina. Parallelamente al lavoro di musicista Marzouk è leader di un presidio Slow Food in Tebourba, Tunisia dove aiuta a sostenere un tradizionale cous cous di grano antico lavorato a mano. Slow Food Tebourba è stato uno sponsor del Festival Musica in Tunisia, dove Fanfara Station si è esibito lo scorso agosto.

 

Charles Ferris Californiano di San Francisco, trombettista ed etnomusicologo, arriva a Napoli come borsista Fulbright con una ricerca sulle tradizioni e i canti della Campania. A San Francisco ha suonato con i Japonize Elephants, l’orchestra di salsa Quimbombo e ha fondato i Four Flea Circus. In Italia dal 2006, ha collaboato con: Sineterra, La Mescla, ‘E Zezi, Lisa Mezzacappa, Marcello Giannini, Ajar, Jewlia Eisenberg, Francesco Forni, Insula Dulcamara, Flo, Maxmaber Orkestar, The Enthusiastics, Joseph Martone, il collettivo napoletano di musica improvvisata Crossroads Improring.

 

Ghiaccioli e Branzini Ghiaccioli e Branzini negli anni ha affinato quello che si può definire uno stile inconfondibile. Se la base è sempre la musica elettronica, le contaminazioni invece sono molteplici: rimandi al Blues, al Jazz e alla musica folk. Dal 2012 ad oggi Ghiaccioli e Branzini è attivo in un no-stop tour con numerosi progetti di interazione tra musica elettronica e musica suonata: Camillocromo Beat Band, Hugolini. Negli ultimi anni ha composto diverse colonne sonore per Spot televisivi, Fashion Show e per campagne pubblicitarie collaborando con brand internazionali quali: Noris, Superduper Hats, Gucci, Levi’s, Guess,  Archivio Personale, Sebago, Saks Fifth Avenue e molti altri…

Tra le ultime release segnaliamo: Prison Entertainment (Uk) || Gandy Dancer /// ChinChin Records (DE) || Baffina (feat Alberto Becucci) /// Pop Fiction (Uk) Stereotype / Ghiaccioli e Branzini Remix /// Musicadesso (US) Sciakatan P.Voltarelli / Ghiaccioli e Branzini Remix /// Mattinata Fiorentina – Cumbia Rmx / Ghiaccioli e Branzini (Moustache Savage).

 

 

LINK

https://it-it.facebook.com/fanfarastation/
https://www.facebook.com/ottonepesante/
http://www.ottonepesante.it/

http://www.musicastrada.it/it/booking/fanfara-station/
https://www.musicraiser.com/it//projects/5653-lep-di-esordio-dei-fanfara-station/artists
http://www.blogfoolk.com/2018/08/fanfara-station-tebourba-agualoca-2018.html

http://www.cateaters.altervista.org
https://www.facebook.com/cateaterspipeband/


 

INFO SERATA

• Apertura ore 21:00

• Inizio concerto ore 21:30

• Contributo responsabile 8 Euro, Riduzione 5 Euro per gli studenti con documento > vedi qui

• Comunicazione e attività rivolta ai soci CSC > come diventare socio