METROPOLIS (Germania, 1927) – musicato dal vivo

Anticipando George Orwell e tutti i romanzi e film sull´alienazione dell´uomo e sulla decadenza della sua civiltà in un futuro non troppo lontano, Fritz Lang creò METROPOLIS, il film che sarà considerato il suo capolavoro, il film che tuttora è considerato uno dei maggiori capolavori cinematografici di sempre.

Ambientato in una città futuristica nel 2026, Metropolis racconta la storia di un giovane, figlio del più importante uomo d´affari della città e di una giovane ragazza che invece viene dalla classe più povera e umile, costretta a vivere e lavorare nel sottosuolo per garantire agio e lusso sfrenato ai ricchi, che risiede invece nei grattacieli e negli sfarzosi giardini della città.

Il film denuncia la sottomissione della scienza ai potentati economici. Nemmeno il conflitto sociale e la sofferenza umana possono fermare la crudeltà dell´oligarchia. Quindi una trama assolutamente moderna, una storia attualissima, in forma visionaria.

Ian Lawrence Mistrorigo, pianoforte e sintetizzatore e Gabriele Grotto, batteria e percussioni elettroniche, usano un linguaggio musicale che trae origine dalla “maniera antica” per accompagnare i film muti, ovvero l´improvvisazione.
Qualcuno lo definì “metodo Lumiere”.

Ma il gusto musicale è sicuramente moderno e tende a ricercare linguaggi come il jazz contemporaneo, la musica da film e la musica d´avanguardia.