Piers Faccini

PRENOTAZIONE ONLINE

*fino alle ore 14:00 di Sabato 25 Febbraio

compila il modulo per il tesseramento
>> a questo link <<

e una volta fatto manda una mail a csc_centrostabile@yahoo.it con oggetto “Prenotazione Piers Faccini”.

Se sei già tesserato inviaci una mail con con oggetto “Prenotazione Piers Faccini” e il tuo nominativo

 


[CSC Grandi Eventi]

Piers Faccini

Aftershow: DJ Killer

 

Piers Faccini – voce, chitarra
Simone Prattico – batteria
Malik Ziad – oud, mandola

A due anni di distanza da “Between Dogs And Wolves”, Piers Faccini torna con “I Dreamed An Island”, sesto album della sua carriera. Il nuovo disco è carico di contaminazioni sonore che attraversano e colmano distanze geografiche e culturali: fonde ritmi tuareg ad atmosfere provenzali, la world-music col migliore folk-pop internazionale, le melodie mediterranee col ritmo del flamenco, canta in inglese, francese, dialetto italiano ed arabo.

 

“Sin qui il suo lavoro migliore e più adatto ai tempi” – (Blow Up)

“Ne apprezzerete la grandezza” – (Buscadero)

“I Dreamed An Island è un album concettualmente ambizioso” – (Il Mucchio Selvaggio)

“Disco che mostra un equilibrio ed una sicurezza inediti” – (Rumore)

“Un album che racchiude dieci preziose gemme sonore” – (RaroPiù)

– – –

“I Dreamed An Island” è il sesto album per la carriera solista di uno dei migliori cantautori europei che annovera, tra i suoi fan, Ben Harper e Jack Johnson. Il nuovo album è la personale ricerca di Piers Faccini attraverso un viaggio verso un rifugio, al sicuro dalle tempeste della paura e dell’intolleranza. Cantato in inglese, francese, dialetto italiano ed arabo, il disco è un’appassionata celebrazione delle diversità culturali e del pluralismo: ricercando un’epoca d’oro in cui tolleranza religiosa e coesistenza convivevano pacificamente, Faccini trova un modello per il suo utopico rifugio.

“I Dreamed An Island” rappresenta quel raro momento di coesistenza di fede, fiducia e lealtà nell’essere umano. Ambientato ed ispirato ai tempi che furono, in realtà il disco suona molto più che attuale, sia nel linguaggio che negli arrangiamenti, dove chitarre elettriche convivono con suoni barocchi e marocchini. Cercando di immaginare come far coesistere in un ambiente provenzale la lingua inglese coi suoni magrebini, Faccini attraversa il folk e la world music, trasformando John Martyn in Ali Farka Toure, Pentagle in una band tunisina che suona in un matrimonio e una “ciaccona” siciliana in un riff Touareg. Nel disco Piers Faccini suona numerosi strumenti a corde, inclusa una chitarra personalizzata dall’aggiunta di mini-tasti per suonare in toni maggiori.

 

 

LINK:

Media:
www.piersfaccini.com
www.facebook.com/piersfaccinimusic
www.instagram.com/piersfaccini

Ascolti:
http://ilmucchio.it/articoli/anteprima-streaming/piers-faccini/

Video:
http://www.piersfaccini.com/videos/

News:
http://ilmucchio.it/interviste/musica/piers-faccini/

 


 

INFO SERATA

• Apertura ore 21.00

• Inizio concerto ore 21.30

• Contributo all’ingresso: 15 Euro, Riduzione 10 Euro per gli studenti con documento > vedi qui

• Evento riservato ai soci CSC > come diventare socio